Archivio dell'autore: installazioni

Informazioni su installazioni

Symbols, images, continuous reflections, moments that fluctuate over time, words thet open and words that close, breaths which meet in a heartbeat, amplifying the presence standing before the Door, in front of the panorama of all dimensions. Sounds without commas or full stops, absorbing the way ahead, predestined from the first breath of the note, at the achievement of their performance on a stage where everything is present, although not immediately visible, like a plant within a seed, like the life within a glance. I do not speak english, I speak with gestures. Claudio Arezzo di Trifiletti "Conceptual art"

Mediterranean soul

ficus 1mqdb sicily needs love anima mediterranea

vento satellitare

connection contemporary home artist

I gabbiani che si lanciano segnali anche la notte non li sente chi ascolta imperterrito le notizie preconfezionate. Vento satellitare, superficie mediatica, pozzi dell’insensato, acclamazione del nulla, gallerie spodestano formicai, prurito della lucertola, lingua del pappagallo.

constant thoughts

artista concettuale sicilia

arte democratica 1mqdb

Mia Presidente

Pelo senza malizia. Le cose non le so, le sento. Mentre la gente litigava una luna splendeva in cielo.

villa bellini catania

Fare esperienza del pensiero

Normale amministrazione, grammatica follettiana

il giardino dentro il giardino grammatica follettiana

la conoscenza delle mele mezzanine living

il segreto della mela

il segreto della mela sicily contemporary artist

il giardino dentro il giardino villa bellini il segreto della mela

grammatica follettiana fare esperienza del pensiero

denti puliti Mia

Nessuna scintilla divenne fuoco, fare esperienza del pensiero. Normale amministrazione, grammatica follettiana. Le rughe della mela, Il Giardino dentro il giardino. Chi ha paura dell’intenso vive una vita solubile. Attraversando il Bardo, Franco Battiato

Notre-Dame (Parigi)

scorgere il nuovo

Deux ans après l’incendie. Et si l’on construisait un jardin sur le toit. Un rêve d’enfant

Imprints paris contemporary artist

Due anni dopo l’incendio. E se costruissimo un giardino pensile?  Un sogno d’infanzia

il filo d'oro

dreamlike

Claudio Arezzo di Trifiletti, Mia Mezzanine Living

onirico mezzanine living

il giardino dentro il giardino

Bioethics

pietra rispetta vita imprints art

pietra ospita vita 1mqdb

valerio d'urso fotografo catania

Pietra ospita vita, ciò che eravamo, dove ci troviamo. Piazza Manganelli, mettiamoci una pietra sopra. Riflessione: Alberi guardiani alle porte di un grosso bianco masso. Silicio, memoria, dolci forme arrotondate dal tempo. Bambini si arrampicano, ammirano prospettive, superano paure, nido piccole aquile, Granai di Sicilia. Acqua contempla fuoco, suono intona nuovo mondo, voce sospira. Danit racconta musica del vento. Lasciare il paesaggio libero, bioetica Catania.

pietra ospita vita

stop demolizioni arte involontaria

S.Gaetano Grotte, S.Agata e la Fiera di Catania

arte involontaria museo del mare

I turn to You

Quando trovo questo mi perdo. Al Sole, le Montagne, le Stelle, l'Oceano e tutti i sogni di Speranza. Caserma Provinciale Carabinieri Catania Piazza Giovanni Verga

Quando trovo questo mi perdo. Al Sole, le Montagne, le Stelle, l’Oceano e tutti i sogni di Speranza. Caserma Provinciale Carabinieri Catania

Francesco, dovremmo piantare alberi al Colosseo, chiedere perdono, Fede nello Spirito che Santifica. Pregate per me, ti ho scritto su carta, mi sono svegliato sentendo il suolo della casa, scendendo le scale ho visto. Mi piaceva vederti bimbo, il vento porta con sé lo spirito del mare, delle montagne, dei deserti, la notte riconosco il planare sui tetti, anche i pilastri ne sono coscienti. Ho pagato un biglietto per sedermi davanti uno schermo, ed ora amico che sento nel cuore, preghiera mette ordine. Nessun abbraccio deve essere evitato, tutte le parole che giungono all’orecchio sono distese di sabbia dove sentire l’onda del mare. A Te mi rivolgo

the maze

Avrei creduto più ad un trono di pietra viva/è bellissima la vegetazione, primitiva, sono mondi impercettibili ma sempre esistiti, certo con garbo era facile camuffarli da scherzo. (Il labirinto)

Piazza Manganelli, Catania

Manifesto Piazza Manganelli, Catania (27/34 cm.)

Manifesto – Angoliere sala da pranzo, vino impolverato, sogno felice, pietra dura riposa memoria, respira perdono, rinascita, gioia del labirinto. Sorgente Ficus, stoffa leggera color pastello, protegge scudi e risorgimento. Omaggio, un tempo dove tutto è presente, bellezza irradia, trasforma tutto di umiltà e coraggio. Silenzio, le macchine sono ferme, ci concediamo una sosta che si espande. (Acrylic 27/34 cm.)