Archivio tag: sicily contemporary artist

incontri analogici

Dal 23 al 25 settembre lo Studio Spot22 apre le porte a tutti gli appassionati di fotografia. Si potrà visitare la Sala Pose e partecipare alle fasi di ripresa con il Banco Ottico e di sviluppo della pellicola in Camera Oscura. L’iniziativa, denominata Open Studio, sarà l’occasione per scoprire e approfondire il mondo della fotografia analogica, con momenti di confronto, dibattito e laboratori esperienziali. Sarà possibile toccare con mano fotocamere reflex piccolo e medio formato, macchine a corpi mobili o banco ottico, e assistere allo sviluppo e alla stampa in bianco e nero. Bisogna ricordare cosa c’è dietro la produzione di un’immagine fotografica analogica. Un’idea, che attraverso la lavorazione artigianale, prende forma nelle fasi di ripresa, sviluppo e stampa del negativo. Lo studio Spot22, fondato da Valerio D’Urso nel 2015, si trova nel centro storico di Catania, ed è un centro di produzione fotografica digitale ed analogica con la più grande Camera Oscura della Sicilia In questi ultimi due anni vissuti in emergenza, sono stati implementati i servizi e la struttura, anche grazie alla partnership con “La Bottega del Bianconero” di Maurizio Parisi. Oggi riapre i suoi spazi con un ricco programma da non perdere.

Spot22Bottega_Evento Valerio D'Urso

Venerdì 23 Ritratti con Banco Ottico 20×25 su prenotazione ore 18/21 – Ospite Sebastiano Fiorito, fotografo di Conservatorio fotochimica. La pellicola fotografica in bianconero sarà protagonista in forma “Positiva”. Nella sala pose verrà allestito un set fotografico con un Banco ottico in formato 20×25 e luci flash per realizzare ritratti in trasparenza su diapositiva in bianco e nero in grande formato, che verranno sviluppati in camera oscura, dove si potrà partecipare come spettatori alle fasi di trattamento della pellicola.

Sabato 24 Dibattito h19: Cosa vuol dire usare oggi la pellicola fotografica, modera Valerio D’Urso. Un incontro per parlare della pellicola e dell’approccio del fotografo. Pensare in analogico comporta un atteggiamento diverso rispetto all’utilizzo del digitale, ti obbliga a programmare e pensare prima tutti i passaggi necessari all’ottenimento del risultato cercato. Ospiti del dibattito: Maurizio Parisi – stampatore de “La Bottega del Bianconero” dal 1989. Armando Romeo Tomagra, docente di fotografia presso l’ABA di Catania e fotografo. Daniele Vita – Fotografo

Domenica 25 Laboratorio esperienziale tenuto da Valerio D’Urso. Un racconto sulla fotografia analogica, dalle origini ad oggi, in cui verranno mostrate antiche macchine fotografiche e si vivrà l’esperienza fotografica con un banco ottico 13×18, a seguire lo sviluppo della lastra in Camera Oscura. Gratuito ma con prenotazione ore 18 e 20

Via San Michele,22 – 95131 Catania – www.valeriodurso.it – Tel. +39.349.8610898

involuntary art

Periodi camminano a braccetto con le sensazioni. Tegola in testa, testa di tegola, il nome non è la storia, l’abito è ricordo, connette dimensioni. Narra il vento, tra tetto e suolo, viaggia un suono, corre una vespa, vola un sogno. Involontaria nascita crea l’azione, vibrazione, codici tradotti nell’invisibile divenire.

scritto contemporaneo

Mezzanine Living

Argilla dolce materia che fluida ti lasci plasmare, viva conservi la forma, assorbi, ti muovi. Energia palpita la via, lascio tracce del mio percorso.

Art at the service of Peace

impronte di pace, salvaguardia del pianeta.

impronte di pace, salvaguardia del pianeta.

IMPRINTS ICELAND

WORLD NEEDS LOVE

WORLD NEEDS LOVE

childhood wind

vento d'infanzia

vento d’infanzia

Figli di una traccia crescono nell’incontro, condividono memoria, cercano speranza nel suono armonico. In tono con i propri ricordi, occhi si abbracciano.

private collection imprints of peace

Exhibition Contemporary Art Catania 1 Dicembre 6 Gennaio 2019 Palazzo della Cultura

Exhibition Contemporary Art Catania 1 Dicembre 6 Gennaio 2019 Palazzo della Cultura

imprints ponte della paglia venice

Ho trovato un rametto ne ho fatto fortuna. Imprints non sono opere che appartengono al mercato, non possono mai appartenere a una collezione unita e separata da barriere, imprints sono testimonianza d’amore che convive. Un percorso, una dimensione che desidera trasformare, bonificare, distribuirsi, amalgamarsi, cambiare alchimizzando, sentendo una risposta che nel dolore tarda ad arrivare. Presente è una storia che narra un inizio precedente, si condivide ciò che parola non racconta, empatia e ricerca, debolezza e fermezza, forza e costanza, desiderio di tregua, un fiume che scivola per modellare pietre, creare sentieri, soddisfare quell’albero che vive al centro del cuore.

imprints etnapolis

imprints etnapolis

children

contemporary art museum house

Desideri

Solo perché i bambini sono in grado di chiamare l’attenzione del sole, illuminare tutto intorno, dare vita e colore, nutrire curiosità per un mondo che li ospita, e che un giorno sarà loro responsabilità custodire. Come la luce nelle stelle, volare in alto, guardare, farsi guardare e perdersi in un alito di vento, fare sigillo con una foglia, dare posizione a una pietra come memoria presente.

middle world

mondo di mezzo

mondo di mezzo

Un nido. Un nido, perché è di questo che si tratta. Una casa, una dimensione, una soglia limbica, una cornice di sospensione spazio-temporale, una fuga dalla e – paradossalmente – nella realtà. Un luogo tranquillo, appartato, riparato ma altresì ubicato in una zona nevralgica, prossimo al cuore pulsante, alla linfa vitale della mobilità catanese. E Claudio, abitante della ‘terra di mezzo’, premuroso, disponibile, sensibile, una persona (oggigiorno, qualcosa di non così ovvio e scontato nella quale imbattersi).

Simla & Federico “Mezzanine Living”

Merry Christmas

Onorare la terra mangiando un frutto, lasciare il seme come preziosa energia. Dipingere un pensiero tra elementi che ci rivedono crescere in simbiosi con un mondo che si cela attraverso le piccole cose.

Catania needs love

Mezzanine Living

“Buon Natale”

artist studio

sicily contemporary artist

casa museo sotto l’etna

Salire sull’Etna è sempre un grande dono impegnativo, presente dentro l’Animo. Il Vulcano per me è amore, allo stesso tempo timore.