Archivio tag: speranza

I turn to You

Quando trovo questo mi perdo. Al Sole, le Montagne, le Stelle, l'Oceano e tutti i sogni di Speranza. Caserma Provinciale Carabinieri Catania Piazza Giovanni Verga

Quando trovo questo mi perdo. Al Sole, le Montagne, le Stelle, l’Oceano e tutti i sogni di Speranza. Caserma Provinciale Carabinieri Catania

Francesco, dovremmo piantare alberi al Colosseo, chiedere perdono, Fede nello Spirito che Santifica. Pregate per me, ti ho scritto su carta, mi sono svegliato sentendo il suolo della casa, scendendo le scale ho visto. Mi piaceva vederti bimbo, il vento porta con sé lo spirito del mare, delle montagne, dei deserti, la notte riconosco il planare sui tetti, anche i pilastri ne sono coscienti. Ho pagato un biglietto per sedermi davanti uno schermo, ed ora amico che sento nel cuore, preghiera mette ordine. Nessun abbraccio deve essere evitato, tutte le parole che giungono all’orecchio sono distese di sabbia dove sentire l’onda del mare. A Te mi rivolgo

Hope

Se parlo dell’artista, parlo anche dell’uomo. Dell’anima che agita il suo pensiero, le sue azioni. Che a noi arrivi il gesto simbolico, che ci colga con le sue impronte, le sue parole intorno al mondo, questo è ciò che serve in un momento fragile come questo.

impronte positive catania

impronte positive catania

È da anni che Claudio Arezzo Di Trifiletti racconta di comunione tra gli uomini, di coscienza mondiale, di arte che raccolga il senso comune, la festività delle occasioni. Il raduno delle memorie, i passi sugli asfalti nelle grandi metropoli, il contatto tra menti che condividono gli stessi sentimenti, che possono, che devono inoltrare una rivoluzione sociale. Fatta di ascolto, di un nuovo modo di avvicinare la natura, di renderla nelle nostre ombre, nelle nostre vite, regina e madre, superiore e vicina.

palazzo speciale mezzanine living

palazzo speciale mezzanine living

È il senso religioso che Claudio Arezzo Di Trifiletti avanza nel cuore e nei suoi imprints colti nelle strade del mondo e ricostruiti nelle tele abitate da uomini e donne che partecipano alla preghiera. Un afflato che ha bisogno di essere ascoltato, affinché l’arte non sia spaesamento o diversivo, ma luogo di ri-creazione cosmica e ricerca di obiettivi animici in divenire.

Daniela Frisone